Sinistra per Pisapia

Login con Facebook
Home
Venerdì 22 Aprile 2016 14:52

I CANDIDATI E CANDIDATE DI MILANO IN COMUNE

Scritto da Redazione

Milano 21 aprile 2016: La lista Milano in Comune che sostiene la candidatura a Sindaco di Basilio Rizzo è la rappresentazione, attraverso le persone, della nostra Milano, città terziaria attraversata da cultura e sapienze, lavoro precario e professioni, povertà vecchie e nuove, movimenti, associazionismo e volontariato. Una lista plurale ed egualitaria dove singole personalità convivono con esponenti delle forze politiche; una manifestazione di rappresentanza partecipativa, rispettosa della parità di genere ed in rigoroso ordine alfabetico e alternando donna con uomo.

Accanto al mondo del lavoro e del sindacato (Gianni Belli, Grazia Corsetti, Angela Maiocchi), il mondo delle professioni (Tecla Maria Faranda, Stefano Nespor, Federico Sinicato), professori universitari e docenti (Ottavia Albanese, Sergio Brenna, Roberto Escobar, Giovanna Ubaldeschi), studenti antimafia (Claudio Campesi, Francesco Terragno), il movimento delle donne (Cristina Cattafesta, Laura Quagliuolo), la cultura formale e diffusa (Roberto D’Ambrosio, Allende Guaman Jara), il femminismo e il movimento LGBTQ (Anita Sonego), il mondo dell’associazionismo e dell’impegno sociale (Dino Barra, Franca Caffa, Jonathan Chiesa, Luciano Muhlbauer, Roberto Pavesi, Francesco Terragno) e esponenti del mondo politico e istituzionale (Anna Camposampiero, Cinzia Fossati, Vladimiro Merlin, Francesco Rizzati).

La lista è sostenuta dai promotori della prima assemblea di Milano in Comune nello scorso Febbraio: ACT, Altra Europa con Tsipras, PdCI, PRC, Partito Umanista, Possibile.

DICHIARAZIONE STAMPA DI BASILIO RIZZO:

Milano, 14 aprile 2016

A margine delle odierne commissioni consiliari, Basilio Rizzo, incontrando alcuni cittadini milanesi preoccupati per le dichiarazioni di Sala all'iniziativa “C'è da fare Milano” tenutosi presso la sede dell'Assimpredil alla presenza di numerose associazioni imprenditoriali e professionali legate al mondo dell'edilizia e dell'immobiliarismo, è tornato sul tema affermando che quelle parole sono la dimostrazione lampante di quali sarebbero da Sindaco i suoi “interlocutori privilegiati” nella conduzione delle trasformazioni urbane milanesi.

Infatti quelle lobby sono state direttamente invitate da Sala a “ partecipare al tavolo di "rigenerazione urbana" e portare i loro contributi per farli entrare come elementi costitutivi del mio programma elettorale.”

Quegli “elementi costitutivi del programma” Sala si impegna a realizzarli chiedendo allo Stato “poteri speciali” e promettendo “premialità” alle quantità edificatorie a fronte di non meglio precisati “valori di qualità”.

Non è un caso che nel far ciò riproponga le modalità di rapporto con quel mondo dell'economia immobiliare sviluppate dalle Giunte Albertini/Lupi e Moratti/Masseroli che hanno dato origine agli scempi comde i Citylife e ne indichi la prosecuzione nella riproposizione tal quale dell'Accordo con FS sugli ex scali ferroviari bocciato a dicembre scorso dal Consiglio Comunale.

Come abbiamo più volte sostenuto ne abbiamo provocato la bocciatura perché quell'Accordo era una svendita di quella trasformazione urbana strategica agli appetiti immobiliaristici di FS, con la creazione di quartieri ad altissima densità edificatoria e dotati di scarsissimi spazi pubblici di quartiere (6 mq/abitante contro i 18 minimi di legge), privilegiando invece spazi pubblici a parco territoriale e grandi servizi che sarebbe meglio realizzare altrove (Goccia, Parco Sud, ex Trotter, ecc,) con procedure di “perequazione” tra FS e altre proprietà.

Anche sulla trasformazione delle ex Caserme chiediamo un Piano Quadro che si opponga al frazionamento degli interventi già appaltati a vari organismi finanziario immobiliari (Cassa Depositi e Prestiti Real Estate, INVIMT, ecc,) pocché con gli indici attualmente previsti dal PGT nei singoli interventi non si sarà in grado di garantire il totale mantenimento a verde pubblico

Martedì 29 Marzo 2016 10:54

#IOSTOCONBASILIORIZZO

Scritto da Redazione

Sono più di 400 i cittadini e cittadine che hanno sottoscritto l'appello ‪#‎iostoconbasiliorizzo‬ candidato Sindaco di Milano insieme a personalità della cultura, della politica e della società civile. Una bella notizia. Ora le forze che vogliono sostenere Basilio Rizzo si organizzino per la campagna elettorale. ‪#‎Milanoincomune‬

APPELLO PER BASILIO RIZZO SINDACO

Di fronte alla candidatura di Basilio Rizzo a Sindaco di Milano desideriamo testimoniare la nostra stima per il candidato e la nostra convinta condivisione del suo impegno per la trasparenza e la correttezza nell'amministrazione del Comune.

Cinque anni fa, la scelta "arancione" ha aperto una stagione di grandi speranze per Milano. Non tutte le attese si sono realizzate, ma passi avanti sono stati fatti. La scelta del PD di candidare Sala segna una rottura con questa stagione, un ritorno indietro, alla commistione tra politica e affari. L'ipotesi che il sindaco di Milano che deve chiedere conto dei molti milioni pagati dai cittadini milanesi per Expo, sia la stessa persona che deve risponderne crea un ineliminabile conflitto di interessi. Noi vogliamo continuare sulla strada della speranza, e rivolgiamo il nostro appello non solo agli elettori sensibili ai tradizionali valori della sinistra, uguaglianza, diritti, ambiente, che a livello comunale si declinano in migliori servizi sociali, più case popolari, piano di sviluppo delle periferie, non privatizzazione dell'acqua, ma a tutta la città, a tutti coloro che credono nella trasparenza e nella correttezza amministrativa, quello che è stato il Comune di Milano negli ultimi anni, ben lontano dall'opacità degli affari di Expo. Anche noi sosteniamo il candidato sindaco Basilio Rizzo che per la sua storia personale di assoluta indipendenza, di intransigente difesa degli interessi della città, per il rispetto di cui gode anche tra gli avversari politici, è una figura simbolo di onestà e di dedizione al bene comune. In trent'anni di presenza in consiglio comunale ha condotto battaglie, talvolta quasi solo, che si sono poi sempre dimostrate giuste. La sua candidatura rende possibile un vero voto utile per una città bella, tollerante, libera, solidale, un voto per un'amministrazione trasparente e vicina ai bisogni e alle aspirazioni dei cittadini.

Piero Basso, Presidente CostituzioneBeniComuni

Mario Agostinelli, Presidente Energia Felice

Giuseppe Allegri, quadro aziendale

Sandro Angelotti, architetto

Nanni Anselmi, editore già Presidente Movimento Milano Civica

Mario Aurigo, avvocato

Valeria Bacchelli, docente universitaria

Edoardo Bai, medico Responsabile scientifico Legambiente

Vittorio Bellavite, insegnante

Gabriella Benedetti, casalinga

Daniele Biacchessi, giornalista

Roberto Biorcio, docente universitario

Alessandro Braga, giornalista

Sergio Brenna, architetto

Franca Caffa, pensionata

Giorgio Cancelliere docente universitario

Stefania Cappelletti, studentessa

Roberto Carboni, medico

Adalberto Castagna, operatore sociale

Cristina Cattafesta, Presidente CISDA

Franca Cavagnoli, docente universitaria

Michelino Crosti, giornalista

Massimo Florio, docente universitario

Adele Folcia, pensionata

Giorgio Forti, accademico dei Lincei

Massimo Gatti, già consigliere provinciale

Giovanni Impastato, Associazione Legalità e Giustizia

Antonio Lareno, dirigente sindacale

Michela Ledi, fundraiser

Aldo Majno, medico chirurgo

Corrado Mandreoli, dirigente sindacale

Marino Roberto Marchesi, dipendente pubblico

Rolando Mastrodonato, Presidente Vivi e Progetta un'Altra Milano

Maria Grazia Meriggi, docente universitaria

Anna Miculan, avvocato

Enrico Montangero, imprenditore

Amalia Navoni, Nuovo modello di sviluppo

Stefano Nespor, avvocato

Michele Papagna, direttore Consumi etici

Michele Pepe, avvocato

Giancarlo Peterlongo, comitato milanese acqua pubblica

Silvano Piccardi, attore

Giovanna Procacci, docente universitaria

Albarosa Raimondi, medico

Erica Rodari, comitato milanese acqua pubblica

Alfonso Rombolà, Enologo

Daniela Rossi, insegnante

Cristina Simonini, psicoterapeuta

Federico Sinicato, avvocato

Angelo Solazzo, taxista

Guglielmo Spettante, pensionato

Danilo Tosarelli, delegato RSU Polizia Locale

Nadia Volpi, architetto

Lunedì 14 Marzo 2016 09:46

NO ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE

Scritto da Redazione

ASSEMBLEA PUBBLICA

NO ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE

Giovedì 17 Marzo ore 20.30 Sala Alessi P.zzo Marino P.zza Scala

con la partecipazione di Alessandro Pace,

Maurizio Landini,

Roberta De Monticelli e Felice Besostri, e l'intervento per un saluto di Roberto Cenati.

Pagina 1 di 19

Login

Login con Facebook

Newsletter


Mi raccomando clicca "mi piace" nella pagina di facebook


Contributo economico IBAN

?rel=0&color1=0xffffff&color2=0xffffff&border=0&fs=1"> ?rel=0&color1=0xffffff&color2=0xffffff&border=0&fs=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="560" height="315">

NOTIZIE

  • IL 17 APRILE SI VOTA SI APPELLO AL VOTO DI RIFONDAZIONE COMUNISTA
    IL 17 APRILE SI VOTA  SI APPELLO AL VOTO DI RIFONDAZIONE COMUNISTA

    Il 17 Aprile siamo chiamati ad esprimerci con il voto nel referendum che chiede di abrogare la norma che consente la prosecuzione dello sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi fino all'esaurimento degli stessi anziché alla scadenza delle concessioni. Si tratta di un referendum per fermare le trivellazioni in mare entro le 12 miglia alla scadenza della concessione statale. Il mare e il sottosuolo sono beni comuni che vanno salvaguardati e non svenduti o regalati a società private.

    Il quesito referendario cancella una norma introdotta dal governo Renzi che consentirebbe a chi è già titolare di un permesso di poter realizzare nuovi impianti vicino alla costa e soprattutto di venir meno ai propri obblighi di ripristino ambientale.

    Il 17 aprile, come è accaduto con il primo referendum contro il nucleare, il voto assume un significato, simbolicamente rilevante, che va molto al di là della lettera del quesito stesso.

    Un successo del referendum renderà più forte la spinta a modificare la politica energetica del governo, imporrà un più forte impegno nella transizione verso le energie rinnovabili, verso un futuro ecologicamente sostenibile che salvaguardi la salute delle persone e la salvaguardia dell'ambiente, per un modello sociale ed economico alternativo a quello del Governo Renzi.

    Non facciamoci scippare il diritto alla partecipazione diretta attraverso il referendum. Si tratta di scelte che riguardano il nostro mare, il nostro territorio e la qualità della vita, delle nostre vite e quelle delle future generazioni.

    Una vittoria del SI rappresenta un’occasione per cambiare rotta rispetto alle politiche liberiste e di austerità che considerano l'ambiente e il lavoro come variabili dipendenti dal profitto.

    E’ tempo di innovazione e di energia pulita, di giustizia sociale e ambientale. Ce lo possiamo permettere.

    Il nostro è il Paese del sole, “il fossile è scaduto”, è il tempo del cambiamento!

    Difendiamo il territorio, il mare, il paesaggio, il clima…..dagli interessi speculativi delle grandi multinazionali e da una politica obsoleta e subalterna.

    Rifondazione comunista fa appello a tutte le cittadine e i cittadini, alle proprie iscritte ed iscritti, ad andare a votare il 17 aprile, votare SI e andarci già nelle prime ore del mattino.

    Invitiamo tutte e tutti a massimizzare gli sforzi in queste ore per contattare quante più persone possibile e invitarle a esercitare il proprio diritto al voto respingendo l’invito all’astensione che arriva da un governo e da un partito che hanno appena manomesso la Costituzione nata dalla Resistenza.

    Fermiamo le trivelle e la prepotenza di questo governo antipopolare.

    Battiamo il quorum, è possibile!

  • SENZA CONFINI INCONTRO NAZIONALE AE
    SENZA CONFINI INCONTRO NAZIONALE AE

    SENZA CONFINI INCONTRO NAZIONALE ALTRA EUROPA

    Non abbiamo da perdere
    altro che i nostri confini.

    Assemblea dell’Altra Europa con Tsipras per il processo costituente unico e unitario IN ITALIA di un soggetto europeo dedicata a Giulio Regeni

    Milano 19-20 marzo 2016 PROGRAMMA

    sabato 19 marzo – hotel Michelangelo
    Ore 9.30 Registrazione
    Ore 11.00 Apertura: per GIULIO REGENI
    Vogliamo la verità su Giulio, per rendere giustizia ai tanti come lui, perché non si ripeta mai più.
    Ore 11:15 SENZA CONFINI, SENZA RETI MIGRANTI, IL PUNTO ZERO DELLA COSCIENZA POLITICA DELL’EUROPA
    Testimonianze ed esperienze – Interverranno tra le/gli altre/i:
    • Tasia Christodoulopoulou, vicepresidente del parlamento greco, già viceministro
    delle politiche sull’immigrazione, • Can Guelcue, attivista del movimenti austriaci
    per l’accoglienza, • Moni Ovadia (in video), • Filippo Miraglia (vice presidente Arci
    Nazionale), • Eleonora Forenza, Eurodeputata, • Michele Negro (esperienza di
    accoglienza in Friuli), • Matteo Pucciarelli (giornalista di Repubblica),
    • Milano Senza Frontiere, • Hazal Koyuncuer, portavoce Comunità Kurda di Milano
    Coordina Bia Sarasini
    Ore 13.00 SENZA CONFINI, PERCHÉ L’ASSEMBLEA
    Saluto di AET Milano
    Intervento di Marco Revelli
    Pierre Laurent, presidente del Partito della Sinistra Europeo (in video)
    Ore 13.30- 14.30 PAUSA
    Ore 14.30 SENZA CONFINI – sessioni di lavoro
    LE CITTÀ– sessione
    Interverranno tra le/gli altre/i:
    • Curzio Maltese, • Stefano Fassina (candidato sindaco a Roma), • Giorgio Airaudo
    (candidato sindaco di Torino), • Federico Martelloni (candidato sindaco a Bologna),
    • Raffaella Sutter (candidata sindaco a Ravenna), • Riccardo Petrella (beni comuni e
    città), • Elena Mazzoni ( No TTIP nella mia città), •Comitato Stop-TTIP Milano,
    Stefano Galieni (migranti e città)
    Coordina Massimo Torelli

    Ore 17.00 SENZA CONFINI, DIRITTI, DEMOCRAZIA, VITA QUOTIDIANA – sessione
    I referendum che cambiano la vita, e restituiscono la democrazia ai cittadini italiani
    Interverranno tra le/gli altre/i:
    Massimo Villone (referendum Costituzionale e Italicum), • Maria Boscaino e Vito
    Meloni (referendum scuola e sociali), • Enzo Di Salvatore (referendum No Triv del 17
    aprile), • Franco Martini (Cgil- segreteria nazionale- referendum lavoro), • Fabrizio
    Bocchino (senatore), • Marcello Scipioni (Fiom-Cgil Milano), • Andrea Maccarone (su
    legge Unioni Civili)
    Coordina Alfonso Gianni
    Ore 18.30-20.30 SENZA CONFINI, UNA POLITICA FELICE – sessione
    SOGGETTO E/O PARTITO dal nome alla vita – PARTECIPARE come e per chi?
    Sessione introduttiva sulle Forme della politica
    Interverranno tra le/gli altre/i:
    • Beppe Caccia, • Loris Caruso, •Luca Raffini
    Coordinano Chiara Giunti e Rosa Rinaldi

    Obbiettivi concreti: confrontare nel merito alcune idee di fondo sulle forme costitutive
    di un soggetto politico unitario e innovativo della sinistra a dimensione europea, aprire
    un percorso di autoformazione alla partecipazione come pratica non episodica ma
    costante e fondante del processo e del soggetto.

    domenica 20 marzo – Auditorium “Gino Cerri”

    Non abbiamo da perdere altro che i nostri confini.
    Ore 9,30-11,15 SENZA CONFINI – sessione
    Sessione partecipata sulle Forme del soggetto e della partecipazione. In forma di un World Café con tavoli da 10 persone.
    In contemporanea in sala plenaria confronto sulle sessioni tematiche del sabato (città e referendum).
    Ore 11.30 SENZA CONFINI, SESSIONE CONCLUSIVA
    L’Europa, la sinistra e la politica che vogliamo (anche in Italia)
    Confronto tra esperienze europee e italiane
    Interverranno tra le/gli altre/i:
    • Tasia Christodoulopoulou (Grecia, vicepresidente del Parlamento), • Eleonora Forenza
    (Eurodeputata), • Lorenzo Marsili (Diem), • Francesco Martone, • Maite Mola (Vicepresidente
    del Partito della Sinistra Europea), • Joana Mortagua (Portogallo, Bloco De Izquierda).
    Coordina: Roberto Musacchio

    Saluto Finale di Marco Revelli
    Ore 13.30 Pranzo con il GAS di Novate Milanese.
    domenica 20 marzo – Auditorium “Gino Cerri”

    http://www.listatsipras.eu/
    Altra Europa con Tsipras Milano su Facebook: www.facebook.com/Tsiprasmilano/

  • LIDIA MENAPACE: CANTA IL MERLO SUL FRUMENTO. IL ROMANZO DELLA MIA VITA
    LIDIA MENAPACE: CANTA IL MERLO SUL FRUMENTO. IL ROMANZO DELLA MIA VITA

     

    DOMENICA 28 FEBBRAIO 2016

    dalle ore 10.30 verrà presentato l’ultimo libro di LIDIA MENAPACE

    CANTA IL MERLO SUL FRUMENTO. IL ROMANZO DELLA MIA VITA

    al Circolo PRC Saverio Nigretti di Sesto San Giovanni, via Don Minzoni 129

    L’autrice ne discuterà con Jolanda Guardi e con il pubblico presente

    Ingresso libero

    Questo libro è un’autobiografia: Lidia Menapace racconta la sua lunga vita che ha attraversato il fascismo, la prima e seconda repubblica, le stagioni del movimento operaio e i movimenti studenteschi, il femminismo, le mobilitazioni pacifiste e per l’ambiente.

    Come romanzo di formazione, è la vicenda di una ragazza che cresce nel ventennio fascista e per spontanea necessità interiore diviene antifascista e partigiana, e per tutta la vita proietterà i suoi modelli etici nell’impegno politico e sociale.

    Con una prospettiva sempre aperta alla storia, gli eventi personali si coniugano con quelli generali che acquistano vivezza e umanità. Il libro è anche un romanzo della storia d’Italia...

    Dalle ore 10 e fino alle 12.30 sarà aperto il mercatino dei libri usati del circolo, con nuovi volumi. Vi aspettiamo!

Materiale elettorale

  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali

Agenda iniziative

Agosto 2016
LMMGVSD
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4

Seguici anche su Facebook