Sinistra per Pisapia

Login con Facebook
Home Diritti Civili Libia: qualche se, molti ma
Martedì 29 Marzo 2011 09:18

Libia: qualche se, molti ma

Scritto da  Franco Calamida
Valuta questo articolo
(1 Vota)

Articolo di Farid Adly

Ma siam certi che sia giusto essere “contro l’intervento militare, senza se e senza ma”.

E se invece la scelta non fosse così lineare, il bianco e il nero, ma fosse invece complessa, quanto lo è la situazione? E’ una una ovvia scelta “di principio”? o no. La Libia è come l’Afganistan e l’Irak? No, in Libia c’è un movimento che lotta contro il dittatore. Ed è nato come portato di altre rivolte, in Tunisia, Egitto, che si sono estese in molti paesi del medioriente. E se non fosse vero che la dimensione dominante sia quella tribale, ma invece quella dei ribelli, dei giovani rivoluzionari, che chiedoni libertà e lavoro? e se così fosse cosa dovremmo rispondere alla loro richiesta di sostegno? Nulla?

E non è forse vero che senza l’intervento dell’alleanza Bengasi sarebbe già stata conquista da Gheddafi e i ribelli, i rivoluzionari, uccisi?

Stiamo con loro? certo, ma a parole, solo a parole? Non è forse questa la questione centrale. Avete provato a pensare: se fossi la, a Bengasi, in una loro riunione, cosa direi?

E ancora: la loro disfatta non peserebbe su tutto il processo rivoluzionario che attraversa il medioriente?

La risoluzione Onu, anche nella lettura che ne da la Russia, circoscrive l’intervento alla difesa dei civili, alla realizzazione della no fly zone e all’embargo al rifornimento di armi per via marittima? Era da respingere? forse, ma ne siam certi. Era la richiesta dei ribelli, esattamenter la loro. Possiamo rimuovere questo dato di fatto?

Certo, non è accaduto questo, non sta accadendo, l’alleanza è andata ben oltre una certa lettura della risoluzione Onu, certo, alla alleanza che bombarda non importa nulla dei giovani ribelli, certo anche questa è guerra del petrolio. Ma non si può ragionare come se i ribelli non esistessero. come se tutto il medio oriente non fosse percorso da rivolte, lotte contro le dittature, processi rivoluzionari straordinari. Non si sa quale sbocco avranno, ma possiamo sperare nel loro successo.

Per avviare il dibattito, per un aprroccio problematico, riportiamo un utile articolo di Farid Adly, giornalista di Radio popolare, scritto prima dell’intervento militare.

Ultima modifica Martedì 29 Marzo 2011 10:37

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutti i dati nei campi obbligatori (*).
E' permesso codice HTML base.

Login

Login con Facebook

Newsletter


Mi raccomando clicca "mi piace" nella pagina di facebook


Contributo economico IBAN

?rel=0&color1=0xffffff&color2=0xffffff&border=0&fs=1"> ?rel=0&color1=0xffffff&color2=0xffffff&border=0&fs=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="560" height="315">

NOTIZIE

  • 70° ANNIVERSARIO DELL’ECCIDIO DI P.ZZALE LORETO
    70° ANNIVERSARIO DELL’ECCIDIO DI P.ZZALE LORETO

    Le associazioni della Resistenza, i familiari dei Caduti, gli Enti, le forze democratiche e antifasciste milanesi renderanno omaggio alla memoria dei Combattenti per la Libertà e nel contempo ribadiranno la permanente mobilitazione a tutela dei capisaldi sanciti nella Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza.

    DOMENICA 10 AGOSTO ORE 10.00 PIAZZALE LORETO.

  • 18 GIUGNO - Riunione comitati Milano e provincia
     18 GIUGNO - Riunione comitati Milano e provincia

    Riunione comitati Milano e provincia

    E adesso che si fa? Ci vediamo mercoledì 18 giugno all'Arci Corvetto alle 21.15, (VIA OGLIO 21 MILANO MM3 Brenta/Corvetto)

    Per ragionare insieme su:

    Relazione ultima assemblea dei comitati tenuta a Roma sabato 28 scorso.

    Preparazione assemblea nazionale del 19 luglio.

    Preparazione assemblea cittadina.

    Impostazioni del lavoro prossimo venturo: dopo il superamento della "fase dei garanti", sancito definitivamente il 28 giugno a Roma, si è chiuso un progetto (quello di portare in Europa dei deputati che stessero nel progetto di Alexis Tsipras), ma è rimasto aperto - per fortuna - un processo che quel progetto aveva innescato: quello del lavoro collettivo ed unitario di tanti e diversi tra loro pezzi della politica e della società italiana. Come mantenere in vita questo processo?

    A questa domanda siamo chiamati a rispondere. I Comitati di Zona sono pregati di riunirsi per discuterne e per venire a portare delle proposte in assemblea.

  • L'ALTRA EUROPA CON TSIPRAS C'E'!
    L'ALTRA EUROPA CON TSIPRAS C'E'!

    Nonostante l’oscuramento mediatico e l’appello al voto utile, L’Altra Europa con Tsipras supera l’iniquo e incostituzionale sbarramento elettorale raggiungendo il 4,03% (1.103.203 voti) ed eleggendo 3 deputati europei. Ottimo il risultato di Milano città con il 6,48% (37.161 voti) e della provincia con il 4,93% (72.937 voti)

    Forte il risultato del Partito Democratico e l’equivalente fermata del M5S. In queste ore si avvierà lo spoglio nei comuni della provincia di Milano per le amministrative ed analizzeremo nei prossimi giorni insieme il risultato complessivo.

    Intanto complimenti a tutti i compagni e compagne e bentornata Sinistra!

    La Segreteria Provinciale del PRC

Materiale elettorale

  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali
  • Materiali elettorali

Agenda iniziative

Settembre 2014
LMMGVSD
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5

Seguici anche su Facebook